es it fr de en pl

Introduzione

La città Capitale Reale di Cracovia è il marchio polacco più riconoscibile al mondo, una città magica chiamata "l`Atene del Nord", "la Roma Slava ". Da secoli attirava come una calamita gente dai più lontani angoli del nostro globo con la propria atmosfera irripetibile, le sue tradizioni, l'inafferrabile genius loci, che ha fatto si che il passeggiare per le sue strade ispirava con particolare energia artisti e gente comune. In questo spazio colmo di storia, d`arte, di architettura, di leggende e lirica nostalgia storica, il passato si intreccia armonicamente con la ricchezza della moderna vita artistica, culturale, scientifica, economica e sociale. Sotto al Wawel ci sono annualmente oltre 40 festival e circa 3 mila concerti e spettacoli. Il calendario culturale e riempito di eventi del livello di „Misteria Paschalia", „Festival della Cultura Ebraica" o „Sacrum Profanum", quest'ultimo è stato dichiarato, secondo la rivista inglese „Gramophone", come uno degli eventi culturali più interessanti del mondo. Cracovia rappresenta un potenziale di possibilità turistica praticamente illimitato. La città unisce con successo il prestigio storico con le esigenze della metropoli moderna. Nel 2009 è stata visitata da circa 8 milioni di visitatori. Il dinamico sviluppo della sua infrastruttura viaria e turistica, fa si che il borgo del re Krak viene volentieri scelto come luogo di organizzazione di congressi, conferenze e incontri d'affari.

Cracovia e la città, la cui storia mostra l'identità della nazione polacca e al contempo la grande eredita millenaria della cultura nazionale. Da nessuna altra parte sono presenti tanti gioielli della cultura polacca, una concentrazione così numerosa di monumenti e tracce di vita di persone straordinarie, scienziati e artisti. Qui si conserva e si cura il 25 % del patrimonio artistico nazionale ! Qui all'ombra del castello di Wawel possiamo imbatterci nel più grande complesso monumentale della Polonia, che comprende oltre 6 mila preziosi siti architettonici, e anche la più grande collezione nazionale di opere d'arte accumulate nei musei di Cracovia, che sono parte integrale del paesaggio cracoviano. Nascondono tesori del livello del globo celeste di Hans Dorn del XV secolo, o il più prezioso cimelio della Slavia precristiana, la statua di pietra raffigurante Światowid di Zbrucz datata a cavallo tra il IX e il X secolo.

In riconoscimento dei valori e del contributo di Cracovia alla cultura mondiale, il suo centro storico e architettonico è stato onorato dall'UNESCO con l'inserimento alla prima Lista del Patrimonio dell'Umanità nel 1978. Nella „Decisione" leggiamo che „Cracovia trasmette ai posteri questa collezione, unica nel suo genere, di monumenti dei secoli passati, mirabili opere d'arte e architettura."

 

Il clima artistico della città, la sua originale architettura e la ricchezza monumenti, ma soprattutto la celebrazione della cultura e dell'arte ogni giorno, hanno fatto si che l'Unione Europea gli ha concesso l'ambizioso titolo di Capitale Europea della Cultura nel 2000.

 

Sulla scia di questo ambito riconoscimento, Cracovia ha ottenuto ultimamente molte raccomandazioni prestigiose. Tra l'altro, i lettori del National Geografic hanno definito la sua Piazza del Mercato come uno dei 30 posti più belli al mondo, addirittura 16 ristoranti cracoviani sono stati menzionati nella guida rossa Michelin, e secondo il bisettimanale americano „Forbes", Cracovia e la seconda città più attrattiva per il business in Polonia.


Facebook
  • Program regionalny
  • województwo maloposkie
  • Unia Europejska
Il progetto é realizzato nell’ambito del Programma Operativo della Regione Malopolska e cofinanziato dall’Unione Europea, dal 2007 al 2013.