es it fr de en pl
El Castillo Real de Wawel

El Castillo Real de Wawel

Visita
Collezione d’Arte Nazionale di Wawel
tel.: 0048 12 4225155

http://www.wawel.krakow.pl
zamek@wawel.edu.pl

orario d’apertura:
IV–X mar.–ven. 9.30–17.00
sab. e dom. 11.00–18.00

XI–III mar.–sab. 9.30–16.00
dom. 10.00–16.00

esposizioni:
Saloni Reali, Appartamenti Privati del Re, Tesoreria ed Arsenale (IV-X aperto anche: lun. 9.30–13.00, XI–III chiuso la dom.)
Arte Orientale (XI–III chiuso la dom.) e mostra archeologica Wawel Scomparso (IV-X aperto anche: lun. 9.30–13.00).

Le visite della chiesa, delle Tombe Reali, della torre di Sigismondo e del Museo della Cattedrale sono realizzate a parte; informazioni:
Basilica Arcicattedrale di S. Stanislao e S. Venceslao
tel.: 0048 12 4293327

http://www.katedra-wawelska.pl
info@katedra-wawelska.pl

orario d’apertura:
IV–IX lun.–sab. 9.00–17.00
dom. 12.30–17.00

X–III lun.–sab. 9.00–16.00
dom. 12.30–16.00, museo chiuso la dom. La collina di Wawel è aperta ai visitatori ogni giorno dalle ore  6.00 al crepuscolo (le informazioni dettagliate sugli orari di apertura al pubblico sono esposte presso le casse), mentre il cortile porticato del castello è chiuso 30 min prima della chiusura dei cancelli del colle.

Come arrivare Il parcheggio (sotterraneo, a pagamento) è situato in via Powiśle; è anche possibile parcheggiare lungo le vie Straszewskiego, Podzamcze e Bernardyńska (area di parcheggio a pagamento). I tram delle linee 3, 6, 8, 10, 18 e 40 fermano nelle vicinanze.

Informazione turistiche
Punto di informazione turistica [Punkt informacji turystycznej]
Wawel 9
tel.: 0048 12 4225155 int. 219

I turisti possono ottenere tutte le informazioni necessarie anche presso i Punti di Informazione Cittadina [Punkty Informacji Miejskiej];
il punto più vicino a Wawel è il Padiglione Wyspiański [Pawilon Wyspiańskiego]: p. Wszystkich Świętych 2

http://www.krakow.travel
it@infokrakow.pl

Pernottamento e gastronomia Ristorante “Na Wawelu”
tel.: 0048 12 4211915

http://www.nawawelu.pl
restauracja@nawawelu.pl

Caffetteria „Pod Basztą”
tel.: 0048 12 4227528

http://kawiarniapodbaszta.com
Il Castello Reale di Wawel è il museo-residenza storica dei monarchi polacchi. È situato su una collina calcarea, accanto alla chiesa cattedrale.

La collina di Wawel era abitata sin dalla preistoria, e a partire dall'alto medioevo vi si concentrarono l'autorità temporale e quella ecclesiastica. Wawel attraversò un periodo particolarmente positivo durante i regni degli ultimi rappresentanti della dinastia dei Piast e degli Jagelloni (XV-XVI sec.). All'inizio del XVI secolo, il castello gotico venne trasformato in una delle residenze rinascimentali più belle di tutta Europa. Questo edificio, ancor oggi, sorprende il visitatore con il suo slancio e lo incanta con la leggerezza del cortile circondato da portici. Il castello rinascimentale e la cappella presso la cattedrale, chiamata Cappella di Sigismondo, furono costruiti da artisti italiani portati in Polonia dal re Sigismondo il Vecchio. Per alcuni secoli, il castello di Wawel fu la residenza dei monarchi appartenenti alle dinastie dei Piastowie, degli Jagelloni e dei Wazowie, nonché il luogo delle assemblee parlamentari. In tempo di guerra, il castello venne più volte danneggiato e saccheggiato. Dall'inizio del XX secolo, strappato agli austriaci e sottoposto a lunghi lavori di restauro, viene utilizzato come museo.

Le collezioni attuali sono presentate al pubblico nell'ambito di alcune esposizioni. Negli splendidi saloni reali possiamo ammirare, tra le altre cose, i preziosi arazzi fiamminghi ed i soffitti della Sala dei Deputati, caratterizzati dalle teste scolpite, negli appartamenti privati dei regnanti fanno bella mostra di sé i portali gotico-rinascimentali, mentre la Tesoreria e l'Arsenale conservano oggetti preziosi, reperti importanti per la storia nazionale ed armi antiche. Gli amanti dell'arte orientale troveranno eccezionali esempi di armi, tessuti e ceramiche presso le sale dell'Arte Orientale. Wawel Scomparso mostra ai visitatori le tracce più antiche della storia del colle.

La cattedrale è il luogo di incoronazione e sepoltura dei monarchi polacchi. Dall'inizio del XIX secolo, ha acquisito il carattere di panteon nazionale. Il santuario gotico è circondato da una corona di cappelle risalenti a secoli diversi. Le più note sono le cappelle funebri degli ultimi rappresentanti degli Jagelloni e dei Waza. L'interno della cattedrale, particolarmente ricco dal punto di vista architettonico e degli arredi, conquista l'ammirazione dei visitatori, grazie anche alla maestosa confessione di S. Stanislao, vescovo di Cracovia. Salendo su una delle torri della chiesa per godere del panorama cittadino, vedremo la campana "Sigismondo", il cui suono aleggia su Cracovia nei momenti più solenni.

La collina di Wawel ha le sue leggende. Parlano di un terribile drago che abitava una caverna ai piedi del colle, di Krak - l'eroe che riuscì a sconfiggerlo - e di sua figlia Wanda, che si gettò nella Vistola per concedersi come sposa ad un cavaliere occidentale.


Cos’altro vale la pena di vedere?
Dalle mura di Wawel, la vista spazia sui meandri della Vistola, che circonda il colle roccioso sul quale sorge il castello. Accanto al terrazzo panoramico, è possibile accedere alla Caverna del Drago. Scendendo lungo una scalinata tortuosa si giunge all’interno della grotta, nella quale, secondo la leggenda, sarebbe vissuto il drago di Wawel. Possiamo immaginarci il suo aspetto osservato il suo monumento, in cui appare come un mostro sputafuoco, collocato subito prima dell'accesso alla caverna, accanto al lungofiume.

Caverna del Drago

aperta:
IV–VI e IX–X 10.00–17.00
VII–VIII 10.00–18.00
Ritorna
 
Facebook
  • Program regionalny
  • województwo maloposkie
  • Unia Europejska
Il progetto é realizzato nell’ambito del Programma Operativo della Regione Malopolska e cofinanziato dall’Unione Europea, dal 2007 al 2013.