es it fr de en pl
 Castello di Nowy Sącz

Castello di Nowy Sącz

Visita Castello di Nowy Sącz, ul. Kazimierza Wielkiego (oltre l'incrocio tra le vie Legionów e Tarnowska). L'area su cui sorge il castello è sempre aperta al pubblico, ma non è possibile accedere alle mura ed alla torre.
Informazioni turistiche Centro di Informazione Turistica del Territorio di Nowy Sącz [Centrum Informacji Turystycznej Ziemi Sądeckiej], ul. ks. Skargi 2, tel.: 0048 18 4442422, http://www.cit.com.pl, cit@sarr.com.pl.
Come arrivare Da Cracovia, andare verso est percorrendo la strada n.4 in direzione Brzesko; successivamente, dirigersi verso sud lungo la strada n.75. La città può essere anche raggiunta in autobus o in treno (con partenza da Cracovia).
Ai margini del centro storico di Nowy Sącz, alla confluenza dei fiumi Dunajec e Kamienica, si estende un parco, e tra gli alberi sono visibili una parte delle mura, una torre ed i resti di altre costruzione: si tratta delle rovine dell'antico castello di Sącz.
Il castello di Nowy Sącz sorse all'inizio del XIV sec. Successivamente, fu ampliato da Casimiro il Grande. Nei primi anni del XVII sec., il castello gotico venne ristrutturato dagli starosta di Sącz ed acquisì uno stile rinascimentale. I fabbricati vennero decorati con attici ed arrivarono ad avere 40 sale. Purtroppo, gli incendi del XVIII sec. e l'alluvione del 1813 mandarono il castello in rovina. Nel ventennio tra le due guerre, all'interno dell'edificio ricostruito venne allestito un museo. Durante la II guerra mondiale, gli invasori tedeschi conservavano qui le loro ammunizioni. Nel 1945, il castello fu fatto saltare in aria. Dopo il conflitto, sono stati ricostruiti un frammento delle mura e la Torre Kowalska, decorata da un attico rinascimentale. Nelle vicinanze, sono visibili le fondamenta del castello demolito.
Ritorna
 
PER I VISITATORI
Facebook
  • Program regionalny
  • województwo maloposkie
  • Unia Europejska
Il progetto é realizzato nell’ambito del Programma Operativo della Regione Malopolska e cofinanziato dall’Unione Europea, dal 2007 al 2013.