es it fr de en pl
Castello di Wieliczka

Castello di Wieliczka

Visita Museo delle Saline Cracoviane [Muzeum Żup Krakowskich] di Wieliczka - castello della salina, ul. Zamkowa 8, tel.: 0048 12 2783266, http://www.muzeum.wieliczka.pl, podziemne@muzeum.wieliczka.pl; orario d'apertura: V-VIII mar.-dom. 9.00-20.00, IX-IV mar.-sab. 9.00-15.00.
All'interno del castello troviamo un'imponente collezione di saliere (circa 400 pezzi!): in vetro, in legno, in argento e soprattutto in porcellana (provenienti anche dalle celebri manifatture di Ćmielów, Miśnia e Korzec.
Il castello reale, detto "żupa [salina]" o "żupny zamek [castello della salina]", si erge nel centro di Wieliczka. Negli edifici della fortezza, sin dal XIII sec., aveva la sua sede l'amministrazione della miniera di sale cittadina, chiamata appunto "żupa", mentre il suo amministratore era chiamato "żupnik" A questo periodo risale la "Casa nella Salina", all'interno della quale, attualmente, sono conservate le seguenti collezioni museali: archeologica (nelle cantine del castello), storica, nonché l'esposizione di saliere menzionata in precedenza. In questo luogo è anche possibile visitare la sala gotica più rappresentativa, detta "Sala Municipale [Izba Grodzka]", con il cosiddetto soffitto a palma (sorretto da un solo pilastro). L'ampliamento del castello e la sua annessione al sistema di fortificazioni della città di Wieliczka avvenne a metà del XIV sec. per opera di Casimiro il Grande. In quel periodo venne innalzata la torre ancor oggi visibile (uno dei 19 torrioni che svettavano sulle mura cittadine). Anche il cosiddetto Castello Settentrionale [Zamek Północny] risale a questo periodo. L'edificio non è aperto al pubblico, mentre il Castello Centrale [Zamek Środkowy], eretto nel XIX secolo, ospita attualmente un ristorante.
Ritorna
 
PER I VISITATORI
Facebook
  • Program regionalny
  • województwo maloposkie
  • Unia Europejska
Il progetto é realizzato nell’ambito del Programma Operativo della Regione Malopolska e cofinanziato dall’Unione Europea, dal 2007 al 2013.