es it fr de en pl
Museo della Farmacia Collegium Medicum

Museo della Farmacia Collegium Medicum

ul. Floriańska 25

Orario visite
Martedì: 12.00–18.30
Mercoledì – domenica: 10.00–14.30
Lunedì chiuso
www.muzeumfarmacji.pl

Il Museo della Farmacia dell’Università Jaghellonica è uno dei pochi musei di questo tipo esistenti al mondo. Creato nel 1946, è un istituto scientifico-didattico della Facoltà di Farmacia dell’Università Jaghellonica. Dal 1991 ha sede in un palazzo monumentale situato presso la Via Regia, in ul. Floriańska 25. L’esposizione permanente occupa cinque livelli dell’edificio, dalle cantine quattrocentesche fino al solaio. Vi si trovano riuniti pezzi da collezione relativi alla storia della farmacopea dal medioevo all’epoca contemporanea. Tra essi, in particolare i recipienti di farmacia, l’imponente collezione di maioliche di svariate manifatture europee, mortai di diverse forme e dimensioni, strumenti di laboratorio e utensili di farmacia, sostanze medicinali, ricordi di grandi farmaceuti, una collezione filatelica relativa alla storia della farmacopea ed anche degli oggetti curiosi e particolari legati all’antica medicina. Inoltre nel Museo sono stati rifatti gli interni di una farmacia del XVIII sec. e di altri locali: un antico laboratorio farmaceutico, una cantina con botti e bottiglie per vini curativi, e infine la soffitta per l’essicatura e la conservazione delle erbe medicinali. Il Museo possiede una biblioteca, nella quale sono conservate, tra le altre cose, antichi erbari, farmacopee, antidotari, stampe legate alla storia della farmacopea ed oggetti che ricordano farmacisti e farmaceuti. Nel Museo sono esposte vecchie attrezzature per la produzione dei medicinali. Uno dei processi impiegati era la cosiddetta percolatura, cioè la preparazione di estratti liquidi dalle piante con l’aiuto di un percolatore, uno strumento di forma conica, fatto di vetro, di ceramica, di lamiera di rame o di acciaio resistente all’acido. Le piante venivano sottoposte all’interno del percolatore all’azione di un sol- vente (alcool), e il liquido ottenuto veniva introdotto in un recipiente con l’aiuto di un rubinetto. Nel Museo sono esposti percolatori di rame e di ceramica. In una delle cantine sono esposte numerose storte ed alambicchi usati nelle farmacie per la distillazione delle sostanze, che consentiva di ottenere medicinali, quali acque aromatiche e mediche e distillati alcoolici. Grazie alla distillazione la sostanza liquida viene trasformata in un vapore che in seguito, raffreddatosi, si condensa. I farmaci ottenuti mediante distillazione (con acqua o alcool) si caratterizzazano per la presenza di corpi volatili. Nel Museo si possono osservare delle apparecchiature per la distillazioni composte da un alambicco di rame, da un elmo di stagno e da una parte raffreddante. Un pezzo di particolare valore sono le seicentesche storte di graffite, usate per la distillazione secca (senza uso di liquidi).
Ritorna
 
wszystkie galerie z muzeum
«
»
Facebook
  • Program regionalny
  • województwo maloposkie
  • Unia Europejska
Il progetto é realizzato nell’ambito del Programma Operativo della Regione Malopolska e cofinanziato dall’Unione Europea, dal 2007 al 2013.