es it fr de en pl

La moderna cappella di San Giovanni Paolo II presso il Museo della miniera di Wieliczka - Muzeum Żup Krakowskich

Questo museo di Cracovia, chiamato „Muzeum Żup Krakowskich Wieliczka" ha dedicato una moderna cappella a San Giovanni Paolo II. Si dice che sia la prima cappella dedicata ad un Papa, che sia mai stata costruita tanto in profondità. Si trova infatti nel vano ristrutturato di Aleksandrowice II. La benedizione della cappella è avvenuta per mano di Sua Eminenza il Cardinale Stanisław Dziwisz.
Come ci tiene a sottolineare il direttore del Museo, il prof. Antoni Jodłowski - la cappella dedicata a San Giovanni Paolo II è stata progettata stando ai tempi con il XXI secolo - in stile moderno e multimediale.  Rispecchia pienamente lo spirito dei giorni nostri pur rispettando la plurisecolare tradizione che aleggia attorno alle tradizionali cappelle erette nelle miniere.

A decorare particolarmente la cappella vi sono tre statue - questi blocchi di sale danno come l'impressione di sollevarsi da terra: il primo pezzo di sale da forma all'altare; il secondo rappresenta un elemento della composizione, mentre il terzo, avente forma di blocco di sale, è collocato verticalmente ed è composto da quattro parti mobili che una volta separati, danno vita ad una croce luminosa.

L'apparizione della croce luminosa, rappresenta il momento culminante dello spettacolo multimediale denominato „All'inizio ci fu la parola" - dal Vangelo di San Giovanni. La cappella dedicata al Papa è stata progettata in maniera tale da rendere queste parole il simbolo profondo di tale luogo. Le animazioni sotto forma di proiezioni di grande formato, sfruttano alcuni frammenti dell'omelia del Papa. La musica che accompagna la scena, l'illuminazione, gli effetti laser, danno vita ad un insieme meraviglioso, in grado di colpire l'attenzione e le emozioni degli spettatori.

Lo spazio multimediale della cappella è stato progettato in maniera tale da approfondire il vero messaggio legato alle parole pronunciate da San Giovanni Paolo II. Fanno parte dell'installazione multimediale: proiezioni olografiche, spazi interattivi legati ai pellegrinaggi del Papa, proiezioni di frammetti di omelie di tutto il mondo, accompagnate dalla voce del Papa mediante il cosidetto sound shower. Tutto questo permetterà di ascoltare in ben 6 versioni linguistiche i frammenti delle omelie papali che testimonieranno la scala d'impatto a livello globale del messaggio in esse presente. Il patrono della cappella altri non è che San Giovanni Paolo II, al quale il mondo delle persone laboriose fu sempre caro. Qui, nella miniera di Wieliczka, per sette secoli hanno faticosamente e pericolosamente lavorato numerose generazioni di minatori. Vale la pena aggiungere che Karol Wojtyła - prima di diventare Papa - ha fatto visita alla miniera di Wieliczka per ben tre volte e precisamente nel: 1930, 1936 e 1971.

Il Patrono viene menzionato anche nei documenti presenti nel vecchio libro chiamato „makularz", rappresentante il registro della conclave del cardinale Karol Wojtyła su cui si trova la sua prima firma - esposta nella vetrina - in qualità di Papa Giovanni Paolo II. Questo documento è stato fornito al Museo da parte della Curia Arcivescovile di Cracovia.

La cappella sarà un luogo sacrale attivo. Verrà annessa al percorso di pellegrinaggio chiamato "Ave Cristo", ed inoltre vi verranno celebrate le festività locali e transregionali, tra cui quelle legate alla persona di Papa Giovanni Paolo II.

L'autore dell'arrangiamento degli interni e della parte multimediale è l'artista Aleksander Janicki, mentre l'autore della parte inerente alla tecnologia multimediale è l'ingegnere Maciej Dziadowiec.

Per più informazioni visiti: muzeum.wieliczka.pl
Facebook
  • Program regionalny
  • województwo maloposkie
  • Unia Europejska
Il progetto é realizzato nell’ambito del Programma Operativo della Regione Malopolska e cofinanziato dall’Unione Europea, dal 2007 al 2013.